Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.

News ed Eventi

News

A Natale il peso forma viene messo seriamente in pericolo dalle cene di lavoro, dagli aperitivi con gli amici del calcetto e dalle feste in famiglia.
Cosa fare? Il nostro nutrizionista, Luca Spigno, specialista in Scienza dell'Alimentazione, propone di fare un po' di calcoli.
Nella scorsa puntata abbiamo visto quanto “pesa” un aperitivo.

Verifihiamo ora le cene di lavoro.
Probabilmente è già cominciato il giro delle cene di lavoro, giorni davvero impegnativi prima del fatidico pranzo di Natale.

Partiamo dalla più semplice ma già “caloricamente” impegnativa: cena in pizzeria.
Una pizza, una birra media, un dolce e, senza neanche accorgercene, abbiamo fatto 1300 calorie. Se prendiamo una Coca Zero o acqua minerale al posto della birra risparmiamo 150-200 calorie, ma diciamo la verità: non è la stessa cosa!

Menu tipico al ristorante: antipasto di mare, primo piatto a base di pasta o riso, secondo piatto con contorno e dolcetto. Il tutto condito da due bicchieri di vino e l’immancabile cestino di pane, grissini e focaccine e magari il brindisi finale con lo spumante.
Siamo tra le 1500 e le 2000 calorie a seconda delle porzioni, dei bicchieri di vino (ognuno 90-100 calorie) e di quanto abbiamo “pescato” nel cestino del pane.

Ma, partendo dal principio che a questi appuntamenti non si può mancare, sia per le buone relazioni lavorative sia per la simpatia della tavolata, viene da chiedersi: come faccio a non mettere su peso, soprattutto pensando che mancano ancora le maratone del pranzo di Natale e del cenone di Capodanno?.

Soluzione 1 per i non sportivi: la giornata di preparazione.
La sera prima della cena una minestra di verdura, mezza porzione di pollo, carne o pesce, una mela. Niente pane, niente pasta e niente alcool.
La mattina del fatidico giorno, colazione con tè o latte parzialmente scremato e due fette biscottate, insalatona di verdura a pranzo con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, un'arancia a merenda. Complessivamente nelle 24 ore che precedono la cena di lavoro abbiamo assimilato circa 800 calorie.

Soluzione 2 per gli sportivi: camminata a passo svelto o ancora meglio corsa leggera.
Per smaltire preventivamente la cena di lavoro ci vogliono due sedute da 45’ l’una da 6 a 8 km a seconda del tipo di passo tenuto e del peso che ci si porta appresso…


(foto di Helena Lopes)

News ed eventi