Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

News ed Eventi

News

La XV edizione dell’Aon Open Challenger–Memorial Giorgio Messina, il torneo internazionale di tennis che si svolge a Genova a Valletta Cambiaso, sta volgendo al termine con enorme successo. Anche quest'anno Villa Montallegro è partner della manifestazione, fornendo l'assistenza sanitaria e fisioterapica al torneo. Abbiamo rivolto alcune domande al dottor Giorgio Maietta Farnese, che si occupa del coordinamento dell'equipe di Montallegro.

Aon Open Challanger grande successo 

Anche quest'anno Villa Montallegro è partner tecnico degli Aon Open Challanger di Genova: cosa è cambiato rispetto agli anni scorsi?


L'importanza del torneo è progressivamente cresciuta, così come il livello dei giocatori e di conseguenza è cresciuto il nostro impegno. Agli esordi il medico era solo reperibile; con il passare degli anni la sua presenza si è resa necessaria in loco durante tutta la durata della manifestazione. Quello che ci inorgoglisce è la fiducia che tutti ormai ripongono nei nostri sanitari. Dieci anni fa la maggior parte degli atleti si presentava accompagnata dal fisioterapista personale ed era restia a farsi trattare da sconosciuti, ma, con il tempo, hanno iniziato a conoscerci e a stimarci: nel circuito tennistico la voce si è sparsa e oggi i nostri fisioterapisti sono richiestissimi. Questo è per noi motivo di grande orgoglio anche perché è tangibile la soddisfazione che ci manifestano gli atleti abituati a interagire con personale sanitario di livello internazionale.

Villa Montallegro fornisce un'assistenza sanitaria e fisoterapica: quante persone sono impegnate?


Sono impegnati due medici e due fisioterapisti. Il loro lavoro inizia un’ora prima dell’inizio degli incontri e si protrae anche alcune ore dopo la fine dell’ultimo match.

Tanto lavoro per i fisioterapisti

Quali sono i servizi sanitari più richiesti?


Fortunatamente, grossi infortuni non ce ne sono stati. Il medico si è dedicato prevalentemente alla medicazione di piccole ferite e a prestare assistenza a molti componenti del folto pubblico che hanno accusato malori per il gran caldo di questi giorni. I fisioterapisti hanno effettuato numerosi trattamenti manuali per infiammazioni di gomiti e spalle, ma soprattutto massoterapia decontratturante prima e dopo gli incontri.

I capelli di Dustin Brown

C'è qualche aneddoto particolare, dal punto di vista medico, su questa edizione degli Aon Open Challenger?


Se vogliamo fare una battuta, l’intervento più difficoltoso è stato trattare il collo di Dustin Brown (n.d.r. tennista giamaicano naturalizzato tedesco: ha una lunghissima capigliatura rasta), uno dei personaggi più amati dal pubblico, che non si taglia i capelli dall’agosto 1996. A parte il peso, lui stesso ha dichiarato che a volte quando serve in kick, prova dolore perché i capelli “gli sbattono in faccia”.
viagra impotenza
Gli uomini liguri sono tra i più consistenti consumatori in Italia di farmaci contro la disfunzione erettile: 546 compresse vendute all'anno ogni 1000 abitanti di età maggiore di 40 anni. E il nostro Paese, in Europa, viene subito dopo la Gran Bretagna: 86 milioni di pillole vendute in 15 anni (nel mondo si è superato il numero di 2 miliardi di compresse). Tutto è cominciato il 27 marzo 1998, quando la FDA (la statunitense Food and Drug Administration) ha approvato l’uso del sildenafil (Viagra) per il trattamento, con farmaci assunti per via orale, della disfunzione erettile e dell'impotenza.

In questa intervista, il dottor Giorgio Maietta Farnese, specialista in Urologia e Andrologia, raccoglie i pareri degli specialisti in Urologia che operano in Villa Montallegro.

Come mai questo successo delle “pillole blu”?


«Si vive più a lungo ed è assodato che la maggior parte dei maschi rimane sessualmente attivo anche dopo i settant’anni, ma è altrettanto certo che l’impotenza non colpisce una percentuale così alta di persone. Questi numeri si spiegano con il fatto che molto spesso il sildenafil e gli altri farmaci simili vengono spesso assunti per motivi “ludici”, cioè per il piacere in sé e non per risolvere un problema sanitario, che esulano dalle specifiche indicazioni mediche al trattamento».

Il Viagra e gli altri - Quali sono le “pillole” più popolari per aiutare l'erezione?


«Dal 1998 a oggi sono state immesse sul mercato altre tre molecole con le stesse indicazioni del sildenafil che è alla base del Viagra: il tadalafil (Cialis) nel 2000, il vardenafil (Levitra, Vivanza) nel 2009, l’avanafil (Spedra) nel 2013. Appartengono tutti alla stessa classe di farmaci chiamata “inibitori della fosfodiesterasi”».

Cioè quale effetto hanno?


«In caso di stimolo sessuale, l’organismo risponde producendo una sostanza, la guanosina monofosfato ciclico (cGMP) che, favorendo l’afflusso di sangue al pene, provoca l’erezione. Maggiore è la concentrazione di questa sostanza, maggiore sono l’entità e la durata dell’erezione. L’organismo però produce naturalmente anche un’altra sostanza, la fosfodiesterasi 5 (PDE5) che scioglie la guanosina monofosfato ciclico. Di conseguenza, se nel corpo sono presenti alti livelli di fosfodiesterasi 5, si riducono i livelli di guanina monofosfato ciclico e, anche in caso di stimolo sessuale, l’erezione non viene raggiunta o risulta trascurabile o poco duratura».


E a questo punto interviene la pillolina?


«Proprio così. I farmaci inibitori della fosfodiesterasi, agiscono bloccandola e favorendo così il mantenimento di un’alta concentrazione di guanosina monofosfato: in questo modo, di conseguenza, favoriscono l’erezione».

I prodotti in commercio oggi sono parecchi. Quale è la loro differenza?


«Avendo tutti lo stesso meccanismo di azione, non vi sono importanti differenze in termini di efficacia. Le differenze riguardano la velocità d’azione e la durata dell’effetto terapeutico».

Vale a dire?


«Avanafil è il più rapido ad agire, provocando l’effetto terapeutico in soli 15 minuti dall’assunzione rispetto ai 25 minuti di sildenafil e vardanafil e ai 30 minuti del tadalafil. Tadalafil invece ha effetti di durata maggiore arrivando a superare le 36 ore, rispetto alle 3,5 ore di sildenafil, alle 4 di avanafil e alle 5 di vardenafil. Ciò non significa che l’erezione duri 36 ore, ma che gli effetti del farmaco durano 36 ore, lasciando così più scelta sul momento migliore per avere il rapporto».

È per questo che le varie pillole hanno dei soprannomi?


«Il popolo dei consumatori e una parte della stampa hanno inventato appellativi con cui chiamare le varie pillole: l’avanafil è la “Ferrari”, veloce come una macchina da corsa; il tadalafil è la “pillola del week end” perché dura un fine settimana; il vardenafil è la “mentina” perché si può assumere in formulazione orosolubile e una volta sciolta in bocca lascia un sapore di menta; il sildenafil è la “pillola blu”, sia perché azzurro è il colore della compressa, sia perché talvolta, dopo l’assunzione, subentra un disturbo visivo temporaneo caratterizzato da una distorsione dei colori legato alla presenza nella retina della fosfodiesterasi che il farmaco inibisce».

Ma ci vuole cautela - Quali le controindicazioni?


«Le controindicazioni dei quattro medicinali sono sovrapponibili così come i relativi effetti collaterali che possono comprendere cefalea, vampate di calore, congestione nasale, dolori muscolari, disturbi visivi».

Chi non può usarle?


«L’assunzione è assolutamente controindicata in caso di gravi malattie cardiovascolari come insufficienza cardiaca o angina instabile o in associazione con farmaci nitroderivati per il trattamento dell’angina pectoris e in caso di insufficienza epatica o renale o di disturbi della retina».

E in caso di ipertrofia prostatica, così comune nei maschi dopo i 50 anni?


«Non vi sono controindicazioni, anzi numerosi lavori hanno dimostrato come la somministrazione di questi farmaci migliori anche i sintomi urinari ostruttivi; l’EMA (European Medicines Agency) ha approvato l’uso di tadalafil 5 mg per trattamento dei segni e dei sintomi dell’iperplasia prostatica benigna».

Attenzione ai “pacchi” sul web, dove si trovano “offerte” a prezzi stracciati di questi prodotti o di altri farmaci che avrebbero gli stessi effetti...


«È importante ricordare che si tratta di medicine e che come tali vanno assunte solo su prescrizione medica; non va aumentato arbitrariamente il dosaggio e vanno evitati cocktail di pillole diverse. Ed è necessario diffidare dalle offerte sottocosto presenti su molti siti in internet perché nella maggior parte dei casi si tratta di pastiglie contraffatte, poco efficaci o nel peggiore dei casi anche pericolose».

Con i farmaci acquistati in farmacia, l'erezione è garantita?


«Tutti questi farmaci non inducono l’erezione, mentre la favoriscono dopo la stimolazione sessuale fisica o mentale che resta necessaria per arrivare all’effetto».

Quando è invece necessario un intervento chirurgico per problemi di disfunzione erettile?

«Consiglio la visione di questo filmato, del collega Antonio Casarico». 


Un consiglio conclusivo?


«Sì: non ritenere miracolosi questi farmaci e, per ogni problema del tipo di cui stiamo parlando, rivolgersi a uno degli urologi che fanno ambulatorio in Villa Montallegro».

News ed eventi