Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

TAC 1200x400

La TC denominata anche TAC - acronimo di tomografia assiale computerizzata - è una metodica diagnostica che utilizza lo stesso principio della radiologia tradizionale, ovvero i raggi X emessi da una sorgente di radiazioni che gira dentro un anello (cd. gantry) attorno al lettino sul quale il Paziente è coricato.
La rotazione del tubo radiogeno attorno al corpo permette di ottenere immagini di qualunque segmento corporeo, “tagliandolo a fette di salame” più o meno sottili a seconda del segmento da esaminare.
Come nella radiologia tradizionale i tessuti assorbono i raggi X in maniera differente a seconda della loro densità e l’attenuazione dei singoli fasci di raggi X causata dai tessuti viene acquisita ed elaborata da potenti algoritmi matematici che ricostruiscono dati ottenuti in una scala di grigi che forma l’immagine. Le attuali apparecchiature spirali sono in grado di tagliare il corpo umano sul piano assiale a fettine sottili, con una risoluzione spaziale di 0,28 mm e un’acquisizione continua di pochi secondi che permette la successiva ricostruzione delle immagini su tutti i piani dello spazio - coronale, sagittale, obliquo - e la ricostruzione 3D e in volume rendering di qualunque struttura corporea.

News ed eventi